Odin Aiolia God Robe

Nel finale di Soul of Gold (non proseguite la lettura se non volete rovinarvi la visione) Aiolia ritrova la God Robe di Odin, il dio protettore di Asgard. Ma quando la indossa l’armatura passa dalla sua classica colorazione azzurra zaffiro a una dorata (e possiamo inventarci tutte le scuse del mondo per giustificare la cosa, ma la verità è che in questo modo Bandai ha potuto fare la tirchia). Diciamo che questa volta si gioca al riciclo totale presentando di fatto un recolor dell’Odin Seiya uscito anni fa, cambiando solo un paio di dettagli.

Continua a leggere e commenta su Facebook

Ovviamente la testa di Aiolia al posto di quella di Seiya e la presenza di una nuova arma, il Draupnir. Si tratta in sostanza di un tirapugni dorato con cui è possibile fermare l’avanzata del malvagio Dio Loki. Viene aggiunta anche una mano apposita per afferrare questa nuova arma, ma le guide sul dorso della mano non sono nella posizione giusta per accogliere le vecchie parti dell’armatura e l’effetto finale è un po’ traballante. Aggiungendo anche che questo modello è limitato al solo negozio online di Bandai (e pure caro), si può concludere di come si tratti di una mossa altamente svogliata e commerciale. Si poteva riprogettare l’armatura per un corpo EX, ma ci ritroviamo con un vecchio g3 della linea classica. I corpi g3 sono comunque ottimi e fanno il loro dovere, ma la sensazione di presa in giro senza ritegno è comunque molto forte, anche perchè la God Robe ha delle soluzioni ormai obsolete. Una nota sulle foto: il mantello è stato prelevato dal vecchio Odin Seiya, non è incluso nella confezione.