Gemini Saga Surplice

Il personaggio:
Dopo essersi suicidato alla fine della scalata delle 12 case, Saga viene riportato in vita da Hades. Il signore degli inferi ha infatti un compito per lui e per gli altri gold saint caduti in battaglia: eseguire una nuova scalata al santuario e conquistare la testa di Athena. Saga accetta, ma in realtà il suo è un doppio gioco.
Per mandarlo in battaglia, Hades gli dona una versione infernale (surplice) dell’armatura di Gemini.

Continua a leggere e commenta su Facebook


Il modello:
Il myth di Gemini Saga Surplice è strutturalmente identico a quello normale di Gemini. Le uniche differenze stanno quindi nello sculpt dell’armatura e del viso.
Abbiamo dunque di nuovo un busto che separa l’elemento centrale trapezioidale dalle decorazioni ai suoi lati. Il trapezio rimane sull’armatura dell’addome mentre le decorazioni si trovano al di sopra di esso sui pettorali. Una scelta di certo non fedele al disegno originale, ma voluta per permettere l’inclinazione del torso.
Un’altra scelta particolare è stata quella della colorazione. Infatti questa surplice è più nera che viola. Un confronto diretto con la versione classica di questo myth mostra molto chiaramente le differenze. Prima avevamo un’armatura viola con dettagli lilla opachi, ora abbiamo un’armatura nera con dettagli viola e lilla lucidi. Anche in questo caso la colorazione più corretta sarebbe quella del myth classico, ma per contro nell’Ex si è puntato sulla spettacolarità dei riflessi. Di sicuro è molto migliorato il mold del gonnellino, che nella vecchia versione risultava troppo lungo e ingombrante.
Di alto livello il volto, molto curato nella forma e nei dettagli degli occhi. Come volto aggiuntivi oltre ai soliti urlanti e con occhi chiusi, ne abbiamo uno piangente. La scelta è curiosa, dato che avrebbe reso molto di più rappresentare le “lacrime di sangue” che non le lacrime vere che Saga versa dopo la morte di Athena.
Come extra è presente nella confezione la daga d’oro con cui Saori si pugnala alla gola.
Da fare notare come si sia scelto di rappresentare Saga con il ciuffo di capelli verso destra, mentre le sue precedenti incarnazioni lo hanno sempre avuto verso sinistra. Ovviamente nell’anime capita che il verso sia nell’una o nell’altra direzione a seconda dell’inquadratura, ma dal punto di vista modellistico è la prima volta dato che solitamente il verso a destra era utilizzato per Kanon.
In conclusione:
Il grande interrogativo è: serviva un Ex di Saga Surplice o era sufficiente il myth classico? Diciamo che ci sono pro e contro. Il myth classico aveva dalla sua un design del busto e colori più fedele ai disegni originali. L’Ex però ha dalla sua la posabilità. Quindi sta al cliente decidere come preferisce il personaggio. Se lo si espone in una semplice posa a soldatino, ci si può accontentate del classico. Se invece si vogliono tentare le pose più dinamiche l’Ex è immancabile.