Rebuild Of Evangelion Serie Statue Kotobukiya

Rebuild Of Evangelion Serie Statue Kotobukiya by Like75

Premessa:
Con questa recensione multipla andrò a coprire le prime tre Bambine che Kotobukiya ha dedicato alla saga Rebuild of Evangelion, la quarta non è ancora in mio possesso; ma non si sa mai.Se ci sarà l’ erba, faremo il fieno.Dando per scontato che chi legge conosca la serie Evangelion, andiamo oltre e specifichiamo che questa Rei (come anche Asuka, Misato e la recentissima Mari) non sono tratte dalla serie classica bensi’ dal nuovo ciclo cinematografico iniziato il 1° settembre 2007 con il nome ri Rebuild of Evangelion.
E’ essenziale sapere questo fatto se si vuole comprendere certe sfumature che molti Guru del settore vanno ad accollare a queste pvc.
Partiamo allora……..

Rei Ayanami rebuild of Evangelion 1.0
Produttore: Kotobukiya
Scala: 1/6th
Materiale: PVC
Scultore: Shirahige Tsukuru
La statua è stata rilasciata 2008 e veniva venduta a 6.800¥
e ristampata di recente nell’ agosto 2009.

Rei, personaggio Otaku simbolo di Evangelion alla quale sono state dedicate negli ultimi 15 anni credo il più alto numero di statue e statuette nella storia, era un personaggio che si prestava ad essere un guscio vuoto per il suo padrone, poiché essendo priva di personalità, si piegava al suo volere obbediente e remissiva.Vera innovazione che ne fece uno stancil su cui sono stati clonati un infinità di personaggi sia dal punto di vista caratteriale che puramente visivo.Ma questa Rei del nuovo ciclo cinematografico non è la solita, infatti acquista un carattere e si definisce un suo spazio.Shirahige Tsukuru ha svolto un eccellente lavoro scolpendo questa Rei, ma a mio avviso, imitando lo stile di Yoshiyuki Sadamoto (di cui mostro anche 2 settai)senza però esagerare con le sproporzioni ma centrando in pieno il nuovo essere di Rei.

Posa:
La posa è molto enigmatica, un mix tra goffaggine e maliziosità; la schiena inarcata slancia in alto il culetto e si torce leggermente spingendo in fuori un seno non più da quattordicenne(tra l’ altro ancora più evidenziato dalla pressione del braccio destro) e portando in fine la testa a seguire uno sguardo proiettato verso un sogno, un obbiettivo che è il suo.E’ verso un suo Bisogno che Rei guarda ed è forse la prima ed unica rappresentazione di Rei non servile verso l’ otaku di turno.Ecco qui Shirahige secondo me centra in pieno la nuova Rei, applausi.

COLORAZIONE:

La plugsuit è verniciata di bianco perlato ed i dettagli di essa sono stati seguiti abbastanza bene ma senza eccelere, dopotutto, sono ben visibili le giunzioni degli stampi specie sullo stinco destro, un vero peccato, ma che questa fosse un pvc di prima linea leggermente arricchita lo si sapeva in partenza.Il viso è di un bianco anemico tipico di Rei, bella la bocca dipinta in modo magistrale, (ma non posso assicurarvi che siano tutte cosi’) occhi stampati e per finire capigliatura traslucida a sua volta sfumata in alto con colori semiopachi.

UNA STATUA NELLA STATUA:
La trovata di Shirahige di sostituire il classico disco piedistallo con una roccia scolpita a somiglianza dell’ Eva 00 (ovvero il mecha di Rei) è la vera innovazione e caratteristica di questa serie di pvc.Questa roccia volendo vedere è quasi meglio della stessa Rei, dettaglio incredibile per un piedistallo e ottimamente verniciata.Difficile all’ inizio centrare Rei a cavalcioni su di essa e le istruzioni allegate non aiutano di certo.Faccio notare che Rei è l’ unica delle bimbe che è realmente seduta sull’ eva e ne ha il dominio stringendone la testa……. Dopotutto è lei che…….
(i fanatici della serie avranno già capito, concordato o storto il naso)
SCATOLA:
La scatola è di plastica trasparente e permette di vedere il soggetto in tutta la sua interezza, carina, è sfruttata per tutte le statue della serie.
CONCLUSIONE:
Ammetto che Kotobukiya mi ha stupito, in questa linea di prodotti si spinge oltre il suo standard qualitativo.Va anche detto che questa statua è arrivata alla sua terza ristampa e che è una delle pvc più falsificate sul mercato.Acquisto consigliato ma occhio ai Fake.

Misato Katsuragi rebuild of Evangelion 1.0
Produttore: Kotobukiya
Scala: 1/6th
Materiale: PVC
Scultore: Shirahige Tsukuru
La statua è stata rilasciata 2008 e veniva venduta a 6.800¥
e ristampata di recente nell’ agosto 2009.

Misato Katsuragi è nata l ‘ottavo giorno di dicembre dell’ anno 1986 e compie i suoi 29 anni durante lo svolgimento della serie classica.Originariamente aveva il Grado di Capitano, promossa poi a maggiore, comandava gli Eva in battaglia e ne gestiva la pretattica oltre ad occuparsi dello sprovveduto Stupishinji ( come lo invidio, si becca anche l’ ultimo bacio della nostra eroina…… Cresci Stupishinji cresci).In Rebuild of evangelion si presenta subito come tenente colonnello ed è da subito più coinvolta con la Nerv Globale, ma non sveliamo oltre.Avendo io visto la serie per la prima volta a 30 anni è inutile dirvi che la mia eroina evangelica è lei e che per Rei o per Asuka non c’ è posto.
Femmina e Donna come poche ormai, anche al di fuori del mondo anime.
POSA:
Vento o spostamento d’ aria dovuto a bombardamenti?
Forse vento, la sua espressione facciale è troppo serena, in ogni caso l’ aria si muove e molto, tanto forte da costringere Misato ad inginocchiarsi e a costringere la parte di giacca non indossata a svolazzare; e ce ne vuole visto lo spessore della pelle.Anche i capelli sono al vento, il tutto per un impatto di movimento molto ben riuscito, solo l’ espressine del viso non mi convince nel contesto, troppo serena.La giacca è il vero pezzo forte del pvc, la parte caratteriale.Shirahige Coglie i due volti di Misato e li mostra usando come divisoria proprio la giacca.La donna guerriera e madre protettrice incarnata dal suo lato destro, pistola in pugno, giacca in spalle ed il suo lato Femmina che accarezza il ginocchio, mostrando l’ orologio (il tempo passa cosa aspetti) sul polso nudo a sua volta sopra la coscia blandamente coperta dal miniabito, stretto a tal punto da evidenziarle la vita sottilissima ed il suo seno marmoreo.
Ecco io amo il suo lato sinistro.
Bella anche la croce ciondolo volutamente separata dal corpo statua in modo da poter essere rimossa (anche qui i maniaci della serie avrebbero da dirla lunga).
COLORAZIONE:
Kotobukiya ha fatto un ottimo lavoro, Misato è stata pittata in modo superiore, la giacca è piena di chiaroscuri che danno molto il senso della pelle sporca,(normalmente la pelle si lava di rado) in netto contrasto con l’ abito senza sfumature.Ottimi anche gli stivali, risvolto sfumato e piccole insistenze tra le pieghe.Anche dettagli tipo orologio, unghie ed orecchini hanno il loro perché.
ACCESSORI:
Pistola removibile molto carina e non lasciata al caso.
Croce con nastro in cotone removibile.Come piedistallo, non pilotando nessun Eva Shirahige ha pensato di fotografare un evento della serie molto caro ai più e ci riesce molto bene, anche in questo caso ottimo dettaglio e buona verniciatura.
CONCLUSIONI:
Di Misato in questi anni sono state prodotte credo solo 18 figure e questa è per ora senza ombra di dubbio la migliore a pari merito con quella della New Line uscita nel 2005 che ormai è introvabile.Bella posa, bel dettaglio, volendo se vi scappasse l’ occhio sotto l’ abito non ne rimarrebbe deluso, non molto costosa, ecco forse l’ espressione un pò troppo serena,ma……Se Misato fa parte della rosa delle vostre eroine:
Compratela.

Asuka Langley Shikinami rebuild of Evangelion 2.0
Produttore: Kotobukiya
Scala: 1/6th
Materiale: PVC
Scultore: Shirahige Tsukuru
La statua è stata rilasciata nell’ ottobre 2009 e veniva venduta a 6.800¥

Asuka Langley Shikinami.
Si, avete letto bene, ha cambiato cognome non è più Soryu Langley.
Perché?
No! non si è sposata.
Da appassionato modellista navale posso fare questa ipotesi:
Soryu era una portaerei della II guerra mondiale (difatti nella serie classica Asuka giunge in Giappone su di una portaerei), metre Ayanami era un cacciatorpediniere della 19° squadra c.v. ohe.Se ci mettiamo che di recente è arrivata una nuova Bambina che porta il nome di Mari e di cognome fa Makinami, Famoso cacciatorpediniere della classe superiore giapponese denominata distruttore per via degli armamenti potenziati e nel calibro e nella portata (e ci sta bene visto l’ eva che Mari andrà ad usare), l’ unica portaerei restava la Soryu, quindi avranno pensato di sostituirla con la Shikinami altro cacciatorpediniere del 19° squadrone c.v. ohe.A supporto di tale tesi vi mostro una foto per ogni nave.(certo che se ne tirano di Mine in Giappone).A parte il cognome Asuka resta di origini Tedesco-Giapponesi, bambina prodigio, laureata a 14 anni in cosa però non è dato sapere.Essendo da me la meno amata come personaggio potrei piazzarla all ‘ultimo posto in scioltezza ma non sarebbe giusto a priori; quindi analizziamola.
Posa:
Shirahige Tsukuru omaggia ancora una volta Yoshiyuki Sadamoto (di cui metto ancora due settai) sbilanciando ed allungando sia il bacino che le cosce, ma aimè pur avendo un aspetto sincero nel complesso penalizza il sedere di Asuka in modo oltragioso; possiamo tranquillamente dire che scompare.Asuka è appoggiata sul suo Eva con la mano che le fa da perno, fotografata nell’ atto di accavallare le gambe, il busto ruota accompagnando il volto verso l’ alto a cercare il vento che le smuove la folta capigliatura che lei cerca di sistemarsi con la mano sinistra permettendo cosi’ di alzare il braccio e valorizzare la partenza del seno anche qui come con Rei, non più da quattordicenne.
Il Vento, incomincia ad essere una costante.
La nostra eroina si appoggia sul suo Eva senza comprenderne l’ essenza in modo ignorante, bravo Shirahige hai reso bene l’ idea.
COLORAZIONE:
Come con Rei il plug suit è verniciato in modo sincero ed i dettagli seguiti benino senza strafare, Misato era un altro pianeta.I capelli sono traslucidi e sfumati con colori semiopachi all’ attaccatura.Ecco, qui i capelli essendo lunghi rendono molto meglio che in Rei, sono il pezzo forte del pvc.Per Caratterizzare il viso con un espressione arrogante (tipica del personaggio) si è scelta una colorazione ancora una volta anemica; (la mia preferita, al bando i centri di abbronzatura) ma troppo esagerata tanto da risultare più pallida di Rei e la cosa non va bene.
Errore n. 1 ed é imperdonabile, dimezza i punti.
PIEDISTALLO:
Ancora Eva, ben scolpito e verniciato, si fa fatica ad accostargli un Asuka che per via delle sue forme tende a scivolar via, ma il tono d’ immagine ottenibile ne zucchera il gusto amaro.
COMPARAZIONE!!
UNIONE DEL DESTINO¡¡
Ok ragazzi ora ne abbiamo tre, mettiamole vicine vicine ed osserviamo….
Balza subito all’ occhio che Asuka è troppo alta (cosce troppo lunghe), più alta di Rei e di Misato; si incomincia a soffrire! Errore DUE.
Quello che si nota nell’ insieme d’ immagine è il vento.
Vento che prima su Rei non si notava ma che ora fischia forte su tutte e tre le Eroine.
Vento che ci porta alla mente ricordi, frammenti effimeri ma soprattutto emozioni che non sto a spiegare in quanto ogniuno percepisce le sue.
CONCLUSIONI:
Come avrete capito purtroppo anche dopo l’ analisi piazzo Asuka all’ ultimo posto, discreto prodotto se visionato da solo ma che diventa inesorabilmente dubbioso accostato alle sue sorelle.
Statua che rende stay alone ma chi ha le altre due non riuscirà a sottrarsi dall’ acquisto obbligato.
FINALE:
Kotobukiya se ne esce a testa alta su tutta la serie, voto medio 8.
Però, detto tra noi; più che una ventinovenne e due quattordicenni mi sembra una riunione di venticinquenni.
Ma si dai, la media ci può anche stare, Misato, Rei, Asuka e tu Mari in arrivo, chiamatemi alla vostra prossima riunione che porto tre amici del forum.

Like75

« 1 di 2 »