Lizard Misty Silver Cloth

Il personaggio:

Silver Saint della lucertola, Misty è il primo personaggio della sua casta ad apparire nella storia e primo sicario mandato dal Pontefice a punire i Bronze Saint. Affronta in battaglia Pegasus Seiya. Famoso per la sua bellezza androgina, è anche vanesio e ossessionato dall’idea di non ferirsi.

Il myth:

L’object dell’armatura rappresenta ovviamente una lucertola, anche se rispetto ad altri animali a quattro zampe la disposizione dei pezzi è meno intuitiva del solito. Infatti la cintura trova posto all’interno del corpo principale, mentre parte dei gambali vengono utilizzati per la coda.
Per quanto riguarda il figurino, appartiene alla tipologia del g3 modificato già vista con Perseus. A sorpresa però la confezione contiene 2 corpi, di cui uno interamente nudo. La particolarità deriva dal fatto che Misty combatte contro Seiya in riva al mare e dopo essersi sporcato col sangue dell’avversario decide di lavarsi per togliersi di dosso quello che per lui è un’immondo sudiciume. Tuttavia, seppure abbia un senso, questo secondo corpo risulta essere un extra decisamente fine a se stesso.
Il montaggio dell’armatura sul corpo del figurino non presenta problemi di alcun tipo. Dal punto di vista estetico però, forse per un personaggio come Misty il torace rinforzato è stata una scelta un po’ azzardata, dato che comporta anche un’ampliamento dei coprispalle che risultano quindi poco aggraziati nell’insieme. Sempre similmente a Perseus, anche qui è possibile realizzare la versione manga del soggetto. In questo caso basta asportare la protezione che va dall’armatura del torace alla cintura. Va detto che tale protezione – se inserita – impedisce i movimenti di piegamento del busto limitando quindi la posabilità al personaggio. I coprispalle prevedono gli agganci di nuovo tipo, quindi le braccia sono libere di muoversi in ogni direzione.
Un altro extra di questo soggetto è il particolare mantello che lo accompagna, che sale fino a proteggere il collo. Tuttavia data la forma dei capelli, il risultato finale una volta esposto è inferiore alle aspettative. Il maggior difetto del modello tuttavia rimane il viso, che mostra una scultura non all’altezza con gli standard raggiunti dai myth in questo periodo, e ancora più grave perché va a colpire il volto di un personaggio che fa della bellezza tutto il suo essere. Misty risulta avere una faccia un po’ cicciotta e uno sguardo imbambolato. In sostanza, è venuto a mancare ciò che era il suo tratto più distintivo.