Cygnus Hyoga God Cloth

Il personaggio:

Anche Hyoga, nel corso della battaglia ai Campi Elisi, ottiene una God Cloth attivando il sangue di Athena con cui era stata riparata la sua v3. Eccolo quindi pronto a combattere prima con Hypnos e poi con Hades.

Il myth:

L’object relativo a questa armatura assume una posizione piuttosto particolare rispetto alle precedenti incarnazioni della corazza del cigno: infatti in questo caso si trova con le ali spiegate al massimo e con il collo rivolto all’indietro. Tuttavia, proprio l’ampiezza delle ali e la loro bellezza in conformazione object diventa un problema nella conformazione armatura. Difatti viste le loro dimensioni, da un lato non possono richiudersi più di tanto – ottenendo quindi un aspetto differente da quello che mostrano nell’anime – da un altro sbilanciano il myth rendendone molto difficoltoso il posizionamento. Se a ciò aggiungiamo il solito problema delle gambe, qui accentuato anche dai copri cosce molto voluminosi, ne risulta un myth difficilmente posabile e comunque in generale poco stabile.
A ciò vanno aggiunti la precarietà dello scudo, che si sgancia dal bracciale al minimo tocco, e le alette presenti sui gambali, anch’esse dotate di poca stabilità. Il quadro che ne esce è quello di un myth molto bello da vedere, ma piuttosto delicato in fase di posizionamento. Idealmente le sue caratteristiche sono simili a quelle già viste nella Dragon God Cloth, ma nel caso in oggetto almeno non abbiamo il problema della giunzione fra gambali e schinieri, dato che sono un pezzo unico.

Ad ogni modo, il figurino è impreziosito da uno dei migliori volti mai realizzati per Hyoga, e dalla sua variante con un occhio bendato. La dotazione delle mani opzionali è pertinente al personaggio, e quindi si possono ritrarre varie pose dei suoi colpi segreti (sempre stabilità permettendo).