Dianan A GX-11MA

Dianan A GX-11MA a cura di M. Pellegrini

Uscita : 29 ottobre 2004

Eccoci alla seconda Mazinger Angels : Dianan A
La pilota di questo modello è la Venusia di “Goldrake”, non più adolescente ma donna e…con gli occhiali! Vediamo subito le differenze con il modello Gx-11 Dianan A (serie Mazinga Z, nome italiano Diana, pilotata Sayaka dopo la distruzione di Afrodite): prima cosa è il colore, nel nuovo modello sono stati scelti il metallo cromato ed un blu metallizzato che al variare della luce spazia da un blu chiaro al violaceo al blu cobalto, i piedi ora presentano delle scarpe con tacco, le mani aperta hanno una forma diversa che permette di impugnare gli accessori “Oppai”, c’è un solo paio di missili pettorali, lisci e dorati e il vetro della moto che si incastra nella testa del Robot non è più trasparente ma è colorato in azzurro metallizzato, cosa che non permette di vedere la pilota che tra l’altro è ben colorata, cosa tutt’altro che ben riuscita sul Gx-11; i tacchi rendono il nuovo modello più alto di una buona spalla quindi ben slanciato.
Anche questo modello assume una sua particolare caratteristica in questa nuova livrea,i colori sono molto ben accostati (il Gx-11 ha colori pastello che nel complesso lo rendono molto giocattoloso), impreziositi dall’oro dei missili pettorali, ma anche il violetto usato per le labbra ed il giallo intenso per gli occhi rendono veramente bello questo nuovo Soc che, personalmente, preferisco molto di più rispetto alla versione Tv;la sensazione è che questo mazinger Angels sia l’incarnazione della “signorina perfettini”,sexy ma seriosa, un pò altera e…con i collant!Si, con i collant, visto che dalla vita fino ai piedi è tutta di colore blu, l’impressione che ho avuto è quella (Apfrordite Ma ha la giarrettiera, ricordate?); anche questo modello ha lo stemma delle M.A. sul bacino, mentre il cuoricino stilizzato è stato posizionato a mò di tatuaggio sull’avambraccio sinitro, poco sotto la spalla; i colori usati per la faccia sono tenui e gli occhi gialli contornati dal nero rendono molto più umano il volto del robot, specialmente se confrontato con il modello “normal color”; il fatto che qui ci sia più colore rispetto al metallo fà si che le ditate si vedano molto meno!Cosa troviamo nella scatola (che anche questa volta è più grossa del Gx-11) ?il solito Display Stand con asta per mantenere l’equilibrio del modello (ha i tacchi!), un supporto da inserire nell’asta che serve da fodero per la spada (la stessa presente nel gx-09ma), la decalcomania argento con scritte blu da attaccare sul display stand, il modello molto ben confezionato (due guantini per proteggere le braccia dal corpo più il cellophane per proteggere tutto il modello) e due scatoline in plastica contenenti:due pugli chiusi, due mani semiaperte, due “pistolone ad acqua” di color oro aranciato,due missili pettorali di color oro metallizzato, le due coppe argento/blu che sostituiscono i missili, la motocicletta e due missili a “maglio perforante” (stessa forma, stessi colori)! ok, si tolgono i missili normali e si mettono questi (enormi), poi si sparano! ma potete fare di più! al posto delle mani mettete il maglio perforante ed ecco che Diana ha ora una delle migliori armi di Goldrake!La moto, guidata ora da Venusia, si attacca sempre alla testa; è stato mantenuto sulla testa lo sportellino posteriore che si apre : consiglio, non rimuovetelo e sarete sicuri che la moto non salta via!
Dimenticavo, sul display stand ci stà tutto, perfettamente.

Conclusioni:
la qualità è stata rispettata, anche la goccina di colore sulla coscia destra è presente come sulla Aphrodite MA, l’unico neo è la parte alta della testa (fatta di pvc morbido) che risente immediatamente dei tocchi tant’è che sugli spigoli il colore viene via; la cosa non si nota a meno che non ci si avvicini tantissimo però almeno questo difetto già presente sul gx-11 potevano sistemarlo; l’effetto creato dal blu metallizzato a seconda della luce che colpisce il modello è stupendo, dall’azzurro al violetto al blu scuro, mi rende curioso di vedere come sarà la Venus A, ma di certo rende questo soc veramente unico.Il meccanismo di sparo dei missili è rimasto uguale, migliorate le molle però.
Un unico difetto : usare del materiale morbido per le mani aperte, materiale più morbido di quello usato per l’Afrodite MA, ha reso le mani aperte un pericolo, nel senso che è facile inserirle con la tecnica ruota/spingi nel braccio ma poi, girando le mani si rischia di torcere il polso anzichè far ruotare la semisfera all’interno del polso, cosa che se non si stà attenti può portare alla rottura di quest’ultimo! quindi attenzione a girare le mani, in special modo la sinistra.

Anche se accolte tiepidamente, secondo me anche questa Mazinger Angels non è da scartare,è senza dubbio migliore della “normal color”,la consiglio a tutti coloro che voglio tutti i soc, a coloro che hanno le versioni metallic o che vogliono avere le Mazinger Angels!
Prezzo : siamo intorno ai 36 Euro se presa in giappone con le spese di spedizione (SAL);ho visto con piacere che qualche nostrano rivenditore la mette sul mercato intorno ai 45 euro (escluse spedizione) mentre altri, troppi, sono già sui 65 !!!! quindi OKKIO !!!
Ringraziandovi, Vi aspetto alla prossima Mazinger Angels : Venus A.

Michele