Mazinkaiser Revoltech

Mazinkaiser Revoltech by Cisky

Uscito tra i Revoltech di prima generazione (è il numero 16 della collana ormai celebre della Kaiyodo), il Mazinkaiser costituisce uno dei modellini più noti e ricercati di questa serie. Alto circa 11 centimetri, completamente in PVC, questa action figure presenta un livello di dettaglio apprezzabile, considrando le dimensioni, e una appropriata colorazione. Come tutti modellini Revoltech si caratterizza per i numerosi punti di snodo( collo, spalle, braccia, gomiti, mani, busto, attaccatura delle gambe, giunture delle ginocchia, piedi) e per un corredo di accessori di tutto rispetto (mani aperte, mani a pugno, mani per tenere le spade, due Kaiser blade piccole, una Kaiser blade grande, lo scrander, una piattaforma nera con protesi per simulare le fasi di volo o sospensione in aria).La confezione è di dimensioni contenute (19x14x9 cm), tranne che per la profondità, cosa dovuta al fatto che, all’interno della scatola, troviamo due scomparti di plastica trasparente sovrapposti, nel primo dei quali è alloggiato il modellino( con accanto la spada grande), mentre nel secondo si colloca lo scrander. Il resto degli accessori è contenuto, invece, in una bustina sigillata trasparente, alloggiata sotto la parte cava del secondo scomparto in plastica.Mentre il modellino in sé, data la forma massiccia del robot, si presenta sufficientemente compatto e maneggiabile senza problemi, più delicate sembrano le spade e lo scrander, che danno l’idea di potersi rompere facilmente se maneggiati grossolanamente. Alcuni punti di snodo, inoltre, se sollecitati eccessivamente potrebbero tendere ad allentarsi soprattutto per quanto riguarda le braccia.La figure, però, è sicuramente d’effetto per le pose che permette, e, per chi preferisce il modellini di dimensioni più piccole, è certamente un must, vista anche la rilevanza del personaggio. Nel suo genere di dimensioni, infatti, il Mazinkaiser Revoltech non ha praticamente una concorrenza seria: esistono solo due trading figure-gashapon Bandai, entrambi però non articolati (uno uscito per una delle serie Best Posing e l’altro in una serie dedicata agli OVA di Devilman e Mazinkaiser) e una figure in posa fissa con basetta della Banpresto; l’unico prodotto che gli si avvicina davvero è una action figure della serie Banpresto Super Robot Wars, mini kit componibili, articolata, ma uscita circa 10 anni fa, peraltro da colorare (non so se esiste anche la versione già colorata) e davvero estremamente rara da rintracciare, non solo in Italia.Va segnalato che questo Mazinkaiser Revoltech è stato prodotto anche in una versione limitata completamente nera, che però è costosa (sui 90 euro). In conclusione, qualche considerazione sui prezzi: il Mazinkaiser Revoltech che, ai tempi dell’uscita nel 2007, si trovava agevolmente tra i 20 e i 25 euro, oggi, diventato di meno agevole reperimento, è uno dei Revoltech che si è valorizzato di più assieme al Black Getter e, nei negozi, tende a collocarsi anche dai 50 euro in su, cosa che ovviamente lo rende meno appetibile. Quindi, se lo si incontra ancora, a non oltre i 25-30 euro, e si è interessati alle action figure e gashapon, è probabilmente il caso di approfittarne

Cisky
(le foto sono state realizzate dall’autore dell’articolo)