GURREN LAGANN (RIOBOT)

Foto e recensione di Marco De Bon

Gurren Lagann è stato senza dubbio uno degli anime robotici più belli e importanti usciti in epoca moderna, un capolavoro concepito negli studi Gainax che ha generato un fiume impressionante di prodotti dedicati. Per quello che a noi interessa, il sublime chogokin Konami/Max Factory rimane probabilmente il top per fattura e fedeltà al mecha originale, ma ciò non toglie che il prezzo ben più abbordabile di alcune action figures abbia reso queste ultime ugualmente molto interessanti. Specialmente se stupendamente ben realizzate, come è il caso di questo Riobot della Sentinel.

Continua a leggere, commenta e guarda le foto su Facebook


Già la confezione attira la mia simpatia, sia per l’artwork che per la soluzione a vetrinetta apribile, che nasconde il Gurren Lagann già sistemato nella celeberrima posa con il dito indice alzato verso il cielo. Chiariamo subito, tuttavia, che questo prodotto non è esattamente anime perfect, anzi, potremmo parlare di una vera reinterpretazione più muscolosa e pompata, specialmente nelle gambe, con qualche colore e dettaglio piuttosto diverso da quello che ricordiamo tutti, come il gonnellino decisamente più vistoso. Ma a ben pensarci, se penso all’anime di Gurren Lagann uno dei primi aggettivi che spenderei per definirlo sarebbe “esagerato”… quindi potrei anche parlare di una reinterpretazione con una certa dose di coerenza, passatemi il piccolo paradosso!
Passato lo scoglio estetico (comunque, al di là dei gusti, lo sculpt è veramente molto dettagliato e formato da una miriade impressionante di piccole parti) vi ritroverete davanti ad un’action figure eccezionale: alta 15 cm, leggera e completamente in plastica si, ma in grandissima parte verniciata e anche alla perfezione, senza l’ombra della più piccola sbavatura. Il numero di punti di snodo, tutti ad attrito, è esorbitante e consente pieghe estreme agli arti, ottima snodabilità ad ogni sezione del busto, testa, polsi e caviglie. Le varie flessioni non sono ostacolate da spalline, scudi o parti del gonnellino, perché tutti questi sono singolarmente dotati di uno o più snodi che seguono i movimenti della parte sottostante. A tutta questa eccellenza aggiungiamo un altro paio di chicche: le cosce sono formate da due parti che scorrono l’una sull’altra (soluzione già vista in qualche kit gundamico e in qualche SRC), stessa cosa si può dire per le gambe (e questo personalmente non l’avevo mai visto) e tutto ciò serve per estendere ulteriormente i movimenti. Infine, è stato inserito nel busto un meccanismo per muovere gli occhi del Gurren in sincrono con i movimenti della testa del Gurren Lagann, effetto davvero carino e originale.
Accompagna il lotto una buonissima quantità di accessori, comprendenti trivelle di ogni tipo (a ben vedere ne mancherebbe una super gigante…), occhiali-boomerang, il magnifico jet pack con ali pieghevoli e uno stand che è stato costruito con intelligenza, visto che si può scegliere tra un espositore statico e un braccio mobile snodato con appendice libera di muoversi o bloccabile nella posizione interessata. Anche se il Riobot non è esattamente un gigante, state tranquilli che tra stand, ali e trivelle varie il suo bello spazio in vetrina ve lo ruberà comunque.
Difetti? Mah, una nota negativa la farei al cartone utilizzato per la scatola, che sembra quello che avvolge le crostatine che divoro a colazione, tanto è fino e ammaccabile. Fatevelo imballare come si deve, se ve lo fate spedire. Per il resto, maneggiate con cura il modellino, perché le parti appuntite sono molte e in plastica poco flessibile.

COMMENTO FINALE

Stupenda action figure di lusso dedicata ad un mecha d’eccezione, diretta concorrente del Super Robot Chogokin Bandai, con il quale secondo molti, me compreso, se la vede quanto meno ad armi pari. E ribadisco il “quanto meno”. Trattasi, comunque, di una rivisitazione del soggetto, quindi qui entrano inevitabilmente in ballo i gusti personali. Per il resto, la buona quantità e qualità di accessori e la presenza di un ottimo stand mi induce a non ritenerlo poi così caro come prezzo di listino (9.500 yen) e a consigliarvelo spassionatamente. Attenzione, tuttavia, a certe speculazioni dovute alla (comunque reale) non facilissima reperibilità, che possono generare impennate esagerate di prezzo. Sappiamo che succede spesso, quando si parla di Gurren Lagann.