Gemini Saga Soul of Gold

Gemini Saga è stato torturato per anni da una doppia personalità che ha portato poi alla famosa guerra delle 12 case. Ma ormai purificato da ogni male torna per la seconda volta in vita nelle terre di Asgard, dove dimostrerà la sua fedeltà ad Athena nella battaglia contro Loki assieme agli altri Gold Saint.
L’object che rappresenta il segno del personaggio viene rivisitato in questa versione God Cloth in maniera davvero spettacolare da Bandai. Non una figura unica bifronte come la vecchia Gold Cloth, ma due veri gemelli che mostrano due corpi e che sono uniti dalla cintola in giù.

Inoltre un gemello è dotato di ali da angelo, mentre l’altro di ali da demone. Anche se Saga non è più sdoppiato in due figure, la sua Cloth di livello divino mostra palesemente le contraddizioni del segno zodiacale. L’assemblaggio è molto semplice rispetto ad altre armature apparse in Soul of Gold, ma richiede comunque una certa attenzione perché non è esattamente intuitivo dove applicare le varie parti. In almeno un caso anche le parti destre e sinisitre trovano un unico alloggiamento e non possono essere scambiate.
Se già l’object è spettacolare, lo è ancora di più il figurino armato, dotato di quattro ali (due da demone e due da angelo, ovviamente) perfettamente orientabili. Siccome si agganciano al pezzo di blocco che poi terrà ferma la schiena, consiglio di non seguire le istruzioni, dove le ali vengono applicate per ultime, ma di agganciarle prima al pezzo di blocco e in seguito inserirlo sulla schiena già dotato di ali. L’ingresso del perno delle ali è abbastanza duro e compiendo l’operazione per ultima potrebbe causare lo smontaggio di altre parti. Per il resto il myth è dotato di quattro volti (serio, serio con occhi chiusi, urlante e sorridente con occhi chiusi) e di una discreta quantità di mani (pugni chiusi, mani per trasportare l’elmo, mani semiaperte con dita allargate, mani aperte con dita allargate, mano destra con indice teso). La qualità migliore di questa uscita però è la buona posabilità, dato che si può posizionare in modi diversi senza dovere ricorrere per forza al display stand. In conclusione, ci troviamo di fronte a uno dei migliori Soul of Gold, dove i problemi cronici che avevano caratterizzato questa linea sono praticamente assenti.
p.s. l’effect part della Galaxian Explosion proviene dalla prima stampa di EX Gemini Gold.

« 1 di 2 »