Perseus Argol Silver Cloth

Il personaggio:

Perseus Argol è un Silver Saint dell’esercito di Athena. Tuttavia compare in scena nella prima parte della storia, ancora prima dello scontro delle 12 case. Per questo è intenzionato a sterminare i Bronze Saint – rei di utilizzare le cloth per scopi personali – su ordine del Pontefice. In battaglia affronta Dragon Shiryu.

Il myth:

Ispirato alla costellazione del Perseo, l’object di Perseus rappresenta l’eroe mitologico dotato del terribile scudo di Medusa. Il suo object è la rappresentazione di un mezzobusto umano, per questo la distribuzione dei pezzi fra questi e il figurino è quasi identica. Fanno eccezione i copri bicipiti dell’object che diventano copricosce, e i gambali che sono nascosti dentro al basamento assieme ai veri copri bicipiti.
Il figurino pur essendo esteticamente simile a un g3, presenta due differenze strutturali: una maggior volumetria toracica e un nuovo snodo fra vita e bacino. La prima modifica fa acquisire un maggiore impatto alla parte superiore del corpo, anche se nel caso di un personaggio come Argol che vede il busto completamente coperto dall’armatura, risulta un po’ sprecato. La seconda permette dei movimenti di torsione migliori della vita.
Il myth essendo molto recente prevede tutta quella serie di migliorie tecniche introdotte con gli specter dei gold saint: quindi falde del gonnellino e coprispalle orientabili in ogni direzione, senza che questi impediscano movimenti a braccia e gambe. Tuttavia la realizzazione in plastica del gonnellino lo rende allo stesso tempo poco stabile e incline a muoversi al minimo tocco.
Il personaggio è uno dei pochi ad avere un’armatura asimmetrica, sia per la presenza dello scudo, sia per i diversi coprispalle. Lo scudo – normalmente riposto dietro alla schiena – si aggancia al bracciale tramite un apposito perno, non molto elegante alla vista. Non che ci fossero altre scelte per renderne possibile sia l’aggancio che l’orientabilità, ma bisogna stare accorti ad occultarlo nell’esposizione.
Nella confezione sono incluse alcune parti opzionali. La maggior parte sono per rappresentare il personaggio con l’aspetto che ha nel manga, dato che fra questo e l’anime ci sono state alcune modifiche grafiche. Nello specifico sono diversi oltre all’elmo, i faldoni anteriori e posteriori del gonnellino. Inoltre nella versione manga è dotato anche di alette lungo i gambali. A concludere, un secondo volto con occhi chiusi, dalla qualità espressiva però piuttosto imbarazzante.
La dotazione di mani è adeguata al personaggio. Dato che la corazza prevede di lasciare scoperta la vita, è possibile realizzare molte pose dinamiche dal sicuro effetto estetico.